Home / Viabilità / Cosa fare se la macchina dovesse affondare

Cosa fare se la macchina dovesse affondare

Gli incidenti e le impreviste situazioni di pericolo sono eventi nei quali purtroppo ognuno di noi potrebbe ritrovarsi.

Al contrario della prima reazione che il nostro corpo scatena, non si dovrebbe invece lasciare che il panico preda il sopravvento.

La cosa migliore da fare è eseguire poche e semplici mosse per cercare di uscire il prima possibile di uscire dalla situazione di pericolo; l’intelligenza e la mente lucida infatti in questi casi infatti sono l’arma migliore.

Nel particolare, prendiamo ad esempio il caso di essere all’interno di una macchina che sta affondando.

La prima cosa da fare è allentare la cintura di sicurezza, abbassare il finestrino, ed uscire.

Sarebbe inutile infatti cercare di aprire gli sportelli dell’auto, dal momento che la pressione esercitata dall’acqua impedirebbe questa manovra.

Invece è possibile aprire il finestrino; se è manuale, ovviamente non ci sono problemi.

Anche se è automatico, come ormai è in quasi tutte le macchine, non ci dovrebbero essere comunque inconvenienti; è stato infatti dimostrato che i meccanismi elettronici della macchina continuano a funzionare per circa 10 minuti dentro l’acqua.

Per questo però, è importante eseguire le prime tre azioni citate nel minor tempo possibile.

Nel caso in cui il finestrino non si apra, è necessario romperlo.

Per romperlo occorre un oggetto appuntito, come un martello, un cacciavite o una chiave inglese.

Per questo è importante tenere sempre uno di questi oggetti all’interno dell’auto.

Altrimenti, negozi online vendono strumenti da tenere nell’auto per utilizzarli in casi come questi.

Nel caso in cui non si abbia niente di tutto ciò, è possibile usare un tacco o il gomito, puntando agli angoli, dove il finestrino è più fragile.

Inutile tentare di rompere il parabrezza perché il vetro è ultra resistente.

Se ci sono figli a bordo, è necessario slacciare prima la nostra cintura e poi quella del figlio più grande; far uscire prima lui e successivamente il bambino più piccolo.

Noi dobbiamo essere gli ultimi ad uscire dall’auto.

Nel caso in cui rompere il finestrino non sia possibile, dobbiamo aspettare che l’auto si riempia d’acqua.

In questo modo la pressione interna ed esterna saranno simili.

Quando l’auto è quasi piena d’acqua, prendere un grosso respiro e spingere lo sportello con tutte le forze possibili, tenendo saldamente la maniglia per cercare di spingere al massimo.

Sott’acqua può capitare di essere disorientati; per trovare la superficie è necessario seguire le bolle d’aria in aumento, che saliranno in direzione di essa.

Foto video.corriere

About Redazione

Check Also

In Italia cala il turismo

In Italia cala il turismo

Lo sviluppo del settore turistico dipende molto dagli investimenti nelle infrastrutture di trasporto. In particolar …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *