Home / Viabilità / Il maltempo continua. 11 morti

Il maltempo continua. 11 morti

Il maltempo continua ad interessare la nostra Penisola. Anche oggi le piogge torrenziali e il forte vento non hanno accennato a cessare. Sebbene la perturbazione dovrebbe entro domani lasciare l’Italia ancora non possiamo dire che l’allarme possa essere ritirato. I venti che fino a stamattina arrivavano a centinaia di chilometri orari ora si stanno attenuando e le piogge sono sempre più rade ma i danni sono ingenti.

Le terribili condizioni climatiche di questi giorni hanno causato ben 11 vittime. Oggi una signora è stata travolta dall’acqua nella sua abitazione a Dimaro, in Val di Sole. Un vigile del fuoco è morto durante le operazioni di soccorso a San Martino in Badia, in Alto Adige a causa della caduta di un albero. Non è l’unico ad essere stato travolto da un albero. A Roma due giovani sono stati travolti nei pressi del Gianicolo e sono morti.

Il maltempo continua. 11 morti

In mattinata è stato recuperato un corpo di un uomo all’interno del lago di Levico in Trentino. L’uomo era un pescatore che si era recato sulle rive del lago per controllare le condizioni della sua barca ormeggiata. Probabilmente le forti raffiche di vento hanno spinto l’uomo all’interno del lago causandone la morte.

Altra vittima è un sessantenne ritrovato nel torrente Biois in provincia di Belluno. La sua auto era stata ritrovata nei pressi del torrente.

Allarme anche a Venezia. Fortunatamente nessun morto. Ma l’acqua è arrivata addirittura a lambire la Basilica di San Marco inondando il pavimento in marmo, le colonne, i portoni in bronzo. L’allarme resta alto in Liguria e in Toscana. Si raccomanda di uscire solo se vi è stretta necessità. L’allerta non è ancora cessata. Dopo una breve tregua, ci dicono i meteorologi, il maltempo tornerà tra mercoledì e giovedì e si attenuerà solo verso la fine della settimana. La prevenzione è la cosa più importante. In questi momenti di allarme è fondamentale seguire le istruzioni della Protezione Civile.

Foto TgCom24-Mediaset

About Redazione

Check Also

Dal 1 gennaio 2019 incremento delle multe

Dal 1 gennaio 2019 incremento delle multe

Dal 1 gennaio 2019 le multe saranno più care. In base alla legge infatti è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *