Home Torino oBike: da oggi le prime 500 biciclette a Torino

oBike: da oggi le prime 500 biciclette a Torino

30
CONDIVIDI
obike torino

oBike, la start-up con sede a Singapore, oggi arriva anche in Italia e ha scelto Torino per il debutto nazionale.

Nel gennaio scorso è stata la prima a introdurre il bike sharing a flusso libero nel sud-est asiatico e attualmente è operativa in oltre 40 città localizzate in 15 nazioni (in soli 11 mesi).

Inizialmente, nel capoluogo piemontese, saranno impiegate 500 biciclette che poi diventeranno 5.000 entro la fine dell’anno: questo, nel dettaglio, comporterà un risparmio energetico fino a 1,5 tonnellate di C02 al giorno (dato calcolato su brevi distanze durante i giorni lavorativi).

Come funziona

L’azienda offrirà un sistema di noleggio e condivisione delle bici basato sul flusso libero e l’utente potrà scaricare l’App di oBike sul proprio smartphone utilizzando Google PlayApp Store.

Una volta registratosi, l’utente potrà sbloccare l’antifurto in dotazione utilizzando il QR code fornito e, una volta utilizzato il mezzo, potrà parcheggiarlo in qualsiasi punto della città (stando attento a non creare ostacoli al flusso del traffico e dei cittadini che si muovono a piedi).

L’utilizzo del servizio sarà a titolo gratuito per i primi 2 mesi, previa cauzione di 5 euro rimborsabile tramite carta di credito.

Dove parcheggiare

Al fine di tutelare il patrimonio pubblico, oBike ha indicato una serie di punti storici cittadini, a più alto valore artistico, in cui bisognerà evitare di posteggiare le due ruote (tra essi anche Piazza Castello e Piazza San Carlo).

Al fine d’incoraggiare il corretto posizionamento è stato introdotto un sistema di premi e penalizzazioni: al momento della registrazione l’utente riceverà 100 punti, che andranno ad aumentare in caso di uso corretto uso e a diminuire a ogni uso improprio (cui corrisponderà un innalzamento del costo del servizio).

A novembre, inoltre, oBike avvierà il suo servizio in altri 9 Paesi (selezionati in base alle caratteristiche geo-territoriali che meglio si prestano all’utilizzo delle biciclette): Grecia, Finlandia, Repubblica Ceca, Ungheria, Norvegia, Polonia, Francia, Svezia e Portogallo.

 

CONDIVIDI